ALESSANDRO FAVERO

LA COSCIENZA CRISTIANA SICURA

Alessandro Favero nacque a Vistrorio nel 1890. Crebbe in paese accanto alla sorella Giovanna e al fratello Emilio, che divenne uno stimato medico.

Laureatosi a Torino in Diritto Canonico con una tesi su Antonio Rosmini, discussa con Francesco Ruffini, fu successivamente tacciato di modernismo in seguito alla dura campagna antimodernista iniziata sotto il pontificato di Pio X. Per questo motivo, una sua pubblicazione del 1913 redatta assieme ad Attilio Begey su Monsignor Passavalli, fu messa all’indice.

Egli fu però un cristiano appassionato, e divenne in breve tempo un saggista molto apprezzato.

Favero fu un filosofo che seppe destreggiarsi abilmente tra le “anime impensierite” di Tancredi Canonico e Adam Mickiewicz e il pensiero cattolico liberale della tradizione italiana rosminiana e manzoniana.

Egli cercò di superare l’antico distacco ideologico tra le chiese cristiane e di attuare il più possibile il concetto cristiano della non violenza, ma i lunghi tempi di maturazione ecclesiastica, non gli permisero di avere un gran successo e lo isolarono anzi dal contesto religioso e culturale dell’epoca.

Tra le altre cose fu sindaco di Vistrorio prima dell’avvento del fascismo e nel 1929 conseguì una seconda laurea, in filosofia all’università di Milano, discutendo la tesi con Piero Martinetti, illustre pensatore canavesano.

Per quattro anni, a partire dal 1927, insegnò italiano all’università di Cluj in Transilvania.

Il suo fitto epistolario con noti esponenti del pensiero italiano è raccolto dalla fondazione Carlo Donat-Cattin di Torino. È una raccolta preziosa per la profondità, la lucidità e la coerenza del pensiero.

Morì a Vistrorio, a soli quarantaquattro, anni il 3 marzo 1934.

Ecco una preghiera che oggi è attuale in modo incomparabile.

Preghiera della lega per la riunione delle Chiese Cristiane. Di Alessandro Favero

O Dio d’amore che fondasti la Chiesa nell’unico sacrificio del tuo Figlio, che desti ai discepoli nell’ora della Pentecoste la virtù celeste per recare nel mondo l’unico messaggio di salvezza, che ai rigenerati fai sperimentare il gaudio della Comunione quando spezzano l’unico Pane eucaristico; benedici tutti quei cristiani che lottano per stringersi vieppiù a Te e avvicinarsi gli uni gli altri nell’unità dello Spirito per il legame della pace. Accordaci il pentimento per le nostre divisioni, la speranza per conoscere la Tua verità, il coraggio per compiere la Tua volontà, l’amore che abbatte le barriere dell’orgoglio e dei pregiudizi, ed una fedeltà incrollabile al Tuo santo Nome. Abbi pietà della Tua Chiesa Universale che i peccati e gli errori degli uomini hanno così crudelmente divisa. Opera con la Tua grazia in tutti i rami di essa una nuova creazione spirituale, affinché sollevandosi con la fede e con l’amore ad una più chiara e profonda visione della verità eterna, la Tua Chiesa divenga appieno quale tu veramente la vuoi: una, santa, cattolica, apostolica, per la gloria Tua e per l’avanzamento del Tuo regno. Ascoltaci, o Padre; Tu che col Tuo Figlio e con lo Spirito Santo sei un solo Dio benedetto nei secoli dei secoli. Amen.

RESPONSABILE DEL SITO E EDITORS

Luigi Bovio

BVOLMC62M09E379C
  • Andrea Tiloca
  • Enrico Bovio
  • Luigi Bovio
SOCIAL LINKS

CERCA NEL SITO

Traduci »