GRAZIA BARBI

 

 GRAZIA BARBI

 

Dati anagrafici:Nome e cognome:  Grazia  Barbi

Residenza: Rho, (MI) , via Novara 14

Recapito : 349.5214088

E mail: graziabarbi@libero.it

Di professione architetto fin da piccola mi sono  dedicata alla pittura. Inizialmente sono rimasta colpita dai grandi maestri dell’Impressionismo e ho cercato  una rappresentazione figurativa a loro ispirata ma personalizzata. Il mio cammino artistico si è evoluto nel tempo, approdando all’informale, attraverso una ricerca continua fatta di colate pollockiane, arte digitale,pittura materica.

Ora riscontro molto successo di critica grazie ai miei collages e ai miei assemblaggi.

COLLAGES: scomporre e ricomporre : è un modo per dare movimento a immagini statiche.

Cemento e spago per fissare, bloccare l’opera in un momento preciso della sua vita. E’ come un’istantanea del momento creativo.

Tecnica: carta fatta a mano in fibre naturali, immagini da libri preziosi di arte, collanti, colori acrilici, cementi, spago.

ASSEMBLAGGIO MUSEO METAFISICO:

L’opera parte da un dipinto della Cappella Sistina. Il soggetto è poi stato elaborato al computer .

E’ sempre  mio obiettivo  ricontestualizzare l’arte aulica , rendendola attuale. Allo stesso tempo la cornice dorata ha un significato ben preciso : enfatizzare l’importanza dell’Arte , riconoscere la sua grande magnificenza nel corso dei secoli. Infine le catene dorate. Il legame con i grandi Maestri del passato è fortissimo, l’oro ne magnifica l’espressione artistica.

Eventi e riconoscimenti :

ANNO 2008

– Pubblicazione sul N. 20 / 2008 della rivista d’arte “ Frattura Scomposta “, riconosciuta come artista emergente.
– Finalista al Concorso Ferie Medievali – Pavone Canavese (TO), Italia –  31 maggio/ 8 giugno 2008
– Finalista al Concorso Trofeo di Capodanno – Beinasco (TO) . Dal 26 dicembre 2008 al 14 gennaio 2009

–  Quadro scelto per la Pinacoteca di Beinasco – Torino – Italia
–  Selezionata per il concorso “ Colore in emersione “ organizzato dal noto portale Exibart.
– Selezionata per l’evento Toscana Art 2009 : mostra d’arte associata ad eventi musicali , itinerante nelle località turistiche toscane , durata 365 giorni.
– Iscritta all’archivio internazionale di Mail Art.

ANNO 2009

– 26 febbraio-2 marzo 2009 : International art Expo New York

Convention Center , 34th street

– 3 febbraio 2009 – 2marzo 2009 : 5+1 Biennale in TV

– 11 gennaio – 31 dicembre 2009 : Toscana Art Festival

– Pubblicazione sul catalogo GIGARTE

– Copertina della rivista ZEROASSOLUTO

– Intervista sulla rivista Talents Roma

– Giugno 2009 : Evento Anime Contemporanee and friends : Noto (Sicilia ), in occasione della manifestazione INFIORATA

– Settembre 2009: Quando l’arte incontra l’arte : mostra collettiva a Noto (Sicilia)

– Ottobre : mostra collettiva presso lo storico Palazzo Granaio di Settimo Milanese

– Concorso Mail Art a 45 giri

Anno 2010

–        Mostra collettiva : Capodanno a Lodi , Galleria Dal Ponte , Lodi (Italia)

–        Mostra collettiva : 1.000 autoritratti di donna cuciti a formare una grande tela

–        Marzo 2010: mostra collettiva presso il  Club Financero , Vigo ( Spagna)

–        Partecipazione al concorso “ Colori in emersione “

–        Giugno 2010 : Evento Anime Contemporanee and friends : Noto (Sicilia ), in occasione della manifestazione INFIORATA

–        Luglio 2010 : Partecipazione alla mostra collettiva per l’inaugurazione del museo MAGMA di Roccamonfina (CE)

–        Novembre 2010 : mostra collettiva alla The Brick Lane Gallery di Londra

–        Dicembre 2010 : mostra collettiva Art in a Factory – Varese

Anno 2011:

–        Mostra collettiva presso la Galleria Gabriella di Busto Arsizio (VA)

–        Partecipazione al programma televisivo : Artetivulab

–        Partecipazione alla fiera internazionale d’arte contemporanea Contempora Forlì

 

ALCUNE OPERE

La duchessa.

Madame de Pompadour.

Michelangelo.

Museo metafisico.

Vanità.

 

GRAZIA BARBI

Critica di Roberta Filippi – critica d’arte

L’arte è comunicare . L’artista deve riuscire ad esprimere il proprio messaggio visivo rendendolo attuale e fruibile da tutti. Ed è quello che cerca di fare Grazia Barbi, sia nelle opere figurative che nelle tele informali dove lo spazio bidimensionale è interrotto dallo spessore delle colate di smalto o dalle corde nei collages. E’ in questi ultimi che l’artista scompone e ricompone immagini statiche dando loro movimento. Con lo spago o con il cemento blocca, fissa l’opera in un momento preciso della sua esistenza, la immortala come in una fotografia. E dà forma , in questo modo, ad un suo sentimento: dolore, ansia, paura, ma anche amore, passione, contemplazione della natura.

La forma diventa espressione visibile di uno stato d’animo, un viaggio interiore alla ricerca di se stessa . E’ quello che compie Grazia Barbi partendo da quei ritratti piatti e lineari che ricordano l’art nouveau di fine ‘800 dove dallo sfondo emergono sfumature ricercate che vanno ad impreziosire l’immagine fino ad arrivare alle composizioni materiche informali, ai collages e agli assemblaggi.

In tutte le sue opere è il colore il mezzo per trasportare l’emozione, il linguaggio dei sensi non fine all’oggetto che lo contiene . Opere ricche di energia dove arriva a rappresentare la potenzialità della materia, del colore pulito, limpido, che cola sulla tela trovando un proprio spazio, una propria dimensione. E’ la dimensione individuale dell’essere umano che si scontra con i vincoli materiali della realtà.

RESPONSABILE DEL SITO E EDITORS

Luigi Bovio

BVOLMC62M09E379C
  • Andrea Tiloca
  • Enrico Bovio
  • Luigi Bovio
SOCIAL LINKS

CERCA NEL SITO

Traduci »