Conoscere la Valchiusella tra presente e passato

La rovinosa inondazione occorsa in Vico il 15 e il 16 agosto 1879, nella relazione del Sindaco Giacomo Peralma 

La notte dal 15 al 16 agosto corrente una tromba d’acqua si scatenò sulla parte alta del territorio di Vico ed ingrossò spaventosamente il rio Unant, che lo percorre

Questo, uscito fuori del letto corrose largamente le sponde, asportò rocce, tronchi d’albero, quanto trovò per via.

Tutto il materiale si fermò all’imbocco del condotto che attraversa la piazza del mercato e per cui passa il suaccennato torrente. L’acqua si fermò e crebbe ad un volume immenso, le case latistanti furono inondate fino al primo piano, certe anche al secondo. Lampi, tuoni, gragnuola grossissima, rendeva questa scena ancor più orribile. Tutto ciò avvenne in brevissimo lasso di tempo.

Tosto si diede all’allarme: si suonarono le campane, ma accorse poca gente, perché molti e quasi tutti avevano acqua in casa. Quei pochi posero subito mano ad aprire una uscita regolare all’acqua che minacciava le case vicine

Lo zelo degli accorsi è stato superiore ad ogni lode, ad onor del vero noto pure che il Parroco (*) del paese durante il pericolo suonava le campane egli stesso in persona per la scarsità di gente ed accolse la gente in casa, la gente che alla bella meglio dovette fuggire dalle case pericolanti per l’inondazione:

Noto pure ad onor del vero che l’Arma dei Reali Carabinieri brillò continuamente per la sua assenza. Non ultimo forse degli effetti dell’aver tolta la stazione dal Capoluogo di Mandamento per stabilirla in un piccolo paesetto di niuna importanza e scartato! (nota: si tratta di Meugliano)

Il mattino era uno spettacolo indescrivibile, tutto era rovina, miseria, i ponti distrutti, le strade rese impraticabili, le comunicazioni rese intercettate, la vegetazione distrutta. I danni non si possono calcolare per fortuna non abbiamo vittime umane a lamentare. Attualmente la suddetta piazza del mercato è coperta di pietre fino all’altezza di tre metri.

Mai a memoria d’uomo erasi avverato un simil caso a Vico; tanta disgrazia era riservata per questa malaugurata annata già tanto funesta a questi Alpigiani …                                                                                        

Povero 1879       

Peralma 

Vico Canavese 18 agosto 1879

Nota (*) L’arciprete di Vico nel 1879 era don Francesco Panetti da Strambino

clip_image002[1]

Ricerca e materiale di Bianca Lena

Nella foto: Panorama di Vico a fine XIX secolo

Vico panorama

Il tempo che fa
Valchiusella
24 aprile 2017, 15:25
Coperto
Coperto
12°C
Temperatura percepita: 13°C
Pressione: 1020 mb
Umidità: 71%
Vento: 3 m/s E
Raffiche di vento: 4 m/s
Alba: 06:28
Tramonto: 20:26
Previsione 24 aprile 2017
Giorno
Prevalentemente Nuvoloso
Prevalentemente Nuvoloso
12°C
Vento: 1 m/s NNE
Raffiche di vento: 3 m/s
Previsione 25 aprile 2017
Giorno
Temporali
Temporali
12°C
Vento: 1 m/s NNO
Raffiche di vento: 2 m/s